Sitemap

La parola "coinvolgere" è quella che viene lanciata un po' nello spazio SEO, soprattutto quando si fa riferimento ai contenuti.

Ogni professionista SEO comprende la necessità di creare contenuti accattivanti e SEO-friendly, ma non è sempre chiaro cosa significhi effettivamente.

"Coinvolgere" significa indirizzare i clic su una pagina?

Condivisioni social stimolanti?

Convincere i follower a commentare i tuoi post?

Tutti i precedenti.

In questo post, discuterò cosa significa veramente "coinvolgere" e come puoi creare contenuti che guidano il coinvolgimento che i tuoi contenuti meritano.

Definizione di "impegno"

I contenuti "coinvolgenti" sono contenuti che invogliano le persone a intraprendere un qualche tipo di azione, per quanto ampiamente definita.

Il coinvolgimento potrebbe essere sotto forma di Mi piace sui social media, condivisioni social, clic, riempimenti di moduli o qualsiasi altro tipo di azione.

Il punto in cui le cose si confondono è quando i marketer annunciano la necessità di contenuti "coinvolgenti" senza definire quale azione dovrebbero intraprendere gli utenti.

Questo è un problema perché rende quasi impossibile determinare se i propri contenuti hanno successo nel favorire il coinvolgimento.E la maggior parte di noi conosce il detto: "Ciò che viene misurato, viene gestito".

Se gli esperti di marketing vogliono avere successo nella creazione di contenuti accattivanti, devono prima determinare quali azioni vogliono che gli utenti intraprendano.

Con questo in mente, possono quindi creare contenuti che spingano gli utenti a mettere mi piace/commentare/fare clic/condividere/iscriversi.

Misurare il coinvolgimento: i KPI di coinvolgimento

Nel mondo del marketing, gli indicatori chiave di prestazione (KPI) vengono utilizzati per misurare il successo di una campagna.

Come con una campagna pubblicitaria a pagamento, anche i KPI dovrebbero essere impostati per le tue campagne di content marketing.

La semplice lotta per il "fidanzamento" non pagherà i conti.

Ecco solo alcuni dei tanti KPI di content marketing che possono essere utilizzati per misurare il coinvolgimento e analizzare i risultati tangibili:

  • Mi piace ai post sui social media: i "Mi piace" su Facebook, Instagram, LinkedIn e altre piattaforme social tendono a indicare che agli utenti piacciono i tuoi contenuti e quindi possono essere utilizzati come misura del coinvolgimento.
  • Commenti sui post sui social media: simili ai Mi piace, i commenti sui social media mostrano che gli utenti sono interessati ai tuoi contenuti.Naturalmente, i commenti possono essere buoni, cattivi o neutri, quindi non sono sempre un segno di coinvolgimento positivo.
  • Visualizzazioni di pagina: le visualizzazioni di pagina sono una misura di quanti utenti visitano una determinata pagina del tuo sito web.Visualizzazioni di pagina, sessioni e utenti sono le metriche di coinvolgimento del sito Web più comuni.
  • Visitatori unici: un visitatore unico si riferisce a una persona che visita un sito web almeno una volta durante un particolare periodo di riferimento.I visitatori unici mostrano quante persone raggiunge effettivamente il tuo sito web.
  • Tempo sulla pagina: una metrica di coinvolgimento che misura il tempo che un utente trascorre su una pagina del tuo sito web.Il presupposto è che un utente trascorrerà più tempo sul tuo sito Web se è interessato ai tuoi contenuti.
  • Frequenza di rimbalzo: la percentuale di visitatori che escono dopo aver visualizzato solo una pagina del tuo sito web.Una frequenza di rimbalzo bassa è un buon segno, poiché significa che gli utenti si stanno avventurando su altre pagine del tuo sito web.
  • Pagine per sessione: una misura di quante pagine un utente visita per sessione.La logica è che se un utente visita diverse pagine del tuo sito web, è probabile che sia interessato ai tuoi contenuti.
  • Profondità pagina/scorrimento: se un utente scorre verso il basso su una pagina web, questo potrebbe indicare che è interessato al tuo contenuto.
  • Visitatori nuovi e di ritorno: vuoi ottenere nuovi visitatori ma vuoi anche che gli utenti tornino sul tuo sito.Ottimi contenuti incoraggeranno i visitatori a tornare più e più volte.
  • Tasso di conversione: le conversioni vengono misurate in modo diverso a seconda dei tuoi obiettivi.In genere, ciò comporta la compilazione di moduli, acquisti o opt-in.Il tuo tasso di conversione è una percentuale di quanti visitatori finiscono per eseguire un'azione preferita sul tuo sito web.
  • Tasso di abbandono del carrello: si riferisce alla percentuale di persone che abbandonano subito prima di confermare l'acquisto.Se i tuoi contenuti stanno facendo il loro lavoro, dovresti avere un basso abbandono del carrello.

Questa è solo la punta dell'iceberg quando si tratta dei diversi KPI a cui puoi guardare quando misuri il coinvolgimento.

L'importante è scegliere i KPI giusti in base ai tuoi obiettivi e guardare ai dati effettivi quando determini il coinvolgimento.

Questo è il modo più sicuro per determinare se i tuoi contenuti stanno ottenendo i risultati desiderati.

Perché creare contenuti accattivanti?

Una cosa è creare contenuti SEO-friendly, un'altra è creare contenuti che convertano il traffico organico in clienti paganti.

Sebbene molti esperti di marketing si concentrino su parole chiave, SEO on-page, collegamenti e simili, spesso trascurano i componenti che guidano il coinvolgimento e le conversioni.

Spesso, creare contenuti accattivanti è semplice come "scrivere per l'utente" (cioè scrivere contenuti che il tuo pubblico di destinazione vuole effettivamente leggere).

Classificare i contenuti per gli argomenti che il tuo pubblico sta cercando è quasi inutile se non trovano il valore di cui hanno bisogno e non agiscono sui tuoi contenuti.

Quindi, la creazione di contenuti accattivanti - contenuti che invoglino i lettori ad agire - è essenziale se vuoi davvero guadagnare dai tuoi contenuti.

Il traffico è buono, ma le conversioni sono migliori.

Come aumentare il coinvolgimento

Dopo aver identificato i tuoi KPI di contenuto, avere un sistema per misurare i progressi e aver determinato i tuoi prossimi argomenti di contenuto, è il momento di creare contenuti che sicuramente aumenteranno il coinvolgimento.

Ovviamente, i risultati varieranno a seconda del tipo di azione che si desidera che gli utenti intraprendano, ma i metodi collaudati di seguito sono ottimi per aumentare il coinvolgimento sulla maggior parte dei contenuti.

In ogni caso, il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare contenuti che il tuo pubblico apprezzerà e questo gli farà venire voglia di condividere/mi piace/commentare/opt-in/acquistare.

1.Crea una struttura del contenuto

È facile essere risucchiati nel processo di scrittura dei contenuti simile a un flusso di coscienza, ma questo spesso lascia i tuoi contenuti sconnessi e devianti fuori tema.

I contenuti ben congegnati e organizzati sono i migliori se vuoi coinvolgere i lettori e muoverti verso il tuo principale punto di conversione.

Quindi, prima di iniziare a scrivere, crea uno schema di base di ciò che vuoi coprire.

  • A quali domande il tuo pubblico si aspetta che tu risponda in questo contenuto?
  • Che valore si aspettano di trovare?
  • Come puoi organizzare questo contenuto in modo semplice?

Ad esempio, se sto scrivendo una guida intitolata "10 strategie di marketing sottovalutate per il 2020", non mi addentrerò nel parlare della strategia n. 1.

Probabilmente preparerò il terreno con un paragrafo introduttivo, fornirò alcune statistiche su come è cambiato il marketing nel 2020 e quindi mapperò le prime 10 strategie.

Tracciando prima uno schema, ti mantieni concentrato sul tuo punto principale e rendi più facile per i lettori scorrere i tuoi contenuti.

Se a prima vista vedono che copri le informazioni che stanno cercando, è più probabile che leggano i tuoi contenuti dall'alto verso il basso.

2.Fare domande

È stato dimostrato che fare domande all'interno del contenuto del tuo blog e sui social media aumenta il coinvolgimento.

Anche se i lettori potrebbero non avere l'opportunità di rispondere effettivamente alla tua domanda, ciò li farà riflettere e potrebbe incoraggiarli a continuare a leggere i tuoi contenuti.

Ad esempio, se desideri che i lettori continuino a leggere la sezione successiva, potresti aggiungere una domanda del tipo "Cosa significa per gli imprenditori nel 2020?" o "Come puoi applicare queste strategie al tuo marketing?"

Con queste domande persistenti nella loro mente, saranno inclini a leggere nella speranza di scoprire la risposta.

Allo stesso tempo, le domande alla fine di un post sul blog possono incoraggiare i commenti sul blog, a cui puoi rispondere in seguito.

Se rispondi ai commenti del tuo blog, potresti incoraggiare gli utenti a tornare sul tuo sito e leggere più dei tuoi contenuti.

3.Aggiungi "Brigate secchio"

Le brigate di secchio sono parole o frasi che mantengono i lettori sul tuo sito Web più a lungo.

Sono usati per suddividere porzioni di contenuto più grandi e portare anche alla sezione successiva.

Di solito è una breve frase seguita da due punti o da puntini di sospensione come:

  • Per esempio:
  • Prendi questa storia...
  • Interessato?Controllalo:
  • Non ci crederesti:
  • Eccone uno...
  • Guarda questo caso di studio:

Funzionano magnificamente per incoraggiare i lettori a rimanere coinvolti con i tuoi contenuti.

In effetti, le Bucket Brigades sono una vecchia tecnica di copywriting originariamente utilizzata per far leggere le lettere di vendita alle persone.

Oggi vengono utilizzati nei contenuti SEO per aumentare il tempo sulla pagina, un'importante metrica di coinvolgimento.

4.Includi citazioni condivisibili

Gli utenti di Twitter amano condividere citazioni di esperti e frammenti di suoni dai loro articoli preferiti.

Ecco perché vedrai spesso blogger che includono citazioni in blocco che rendono facile per i lettori condividere la citazione (e l'articolo) sui social media, principalmente Twitter.

Con un solo clic, gli utenti possono condividere il tuo articolo e farlo raggiungere a tonnellate di utenti aggiuntivi.

In effetti, l'ho visto in azione con i miei articoli di Search Engine Journal, SEJ spesso incorpora una citazione in blocco e la condivide insieme al mio articolo originale.

Questo mi ha fatto guadagnare più follower, retweet e traffico Twitter verso il mio sito web.

L'aggiunta di virgolette ai tuoi articoli può essere un ottimo modo per promuovere le condivisioni sui social ed espandere la portata dei tuoi contenuti.

5.Aggiungi pulsanti di condivisione social

A proposito di condivisioni social... stai rendendo stupido facile per i lettori condividere i tuoi contenuti sui social media?

Se i lettori devono fare i salti mortali (copia il tuo link, incolla il tuo link, aggiungi un'immagine, aggiungi una didascalia, ecc.) solo per pubblicare un articolo, potresti ostacolare le tue condivisioni sui social.

Ecco perché incoraggio tutti i siti a includere i pulsanti di condivisione social e ad assicurarmi che i metadati siano compilati.

Ciò significa che ogni volta che un lettore vuole condividere il tuo articolo, tutto ciò che deve fare è pubblicare il pulsante di condivisione social e il suo post è già propagato con il titolo, l'immagine e la descrizione dell'articolo.

Mi piace includere i pulsanti di condivisione social per Facebook, Twitter, LinkedIn e Pinterest, poiché questi sono i principali fattori di traffico verso il mio sito.

Avere questi pulsanti di condivisione sui social mi ha fatto guadagnare più follower sui social media e traffico da una varietà di piattaforme social.

6.Offri aggiornamenti dei contenuti

Ho un gruppo Facebook per aspiranti scrittori e una delle domande che ho ricevuto oggi è stata “Il mio sito web riceve 500-600 visitatori al mese. E adesso?"

Questa è una domanda che vedo spesso, perché molti scrittori, esperti di marketing e imprenditori si concentrano sulla generazione di traffico ma non su come catturare quel traffico.

Se non stai indirizzando i visitatori a una pagina di prodotti, vendite o contatti, dovresti almeno aggiungerli alla tua lista e-mail tramite gli aggiornamenti dei contenuti.

In risposta alla domanda di questo scrittore, ho detto loro di "far penzolare la carota".

In sostanza, questo significa offrire un irresistibile aggiornamento dei contenuti a cui il tuo pubblico di destinazione non può fare a meno di essere interessato.

In particolare, offri loro contenuti che li aiutino a superare uno o più dei loro punti dolenti più pressanti.

Ad esempio, so che molti esperti di marketing elencano il "tempo" come uno dei loro maggiori ostacoli nella creazione di contenuti SEO su base regolare.

Per aiutarli a superare questo problema, potrei pubblicare un "Calendario dei contenuti SEO per risparmiare tempo" che li aiuta a pianificare tonnellate di contenuti con mesi di anticipo.

Quindi, promuoverei questo contenuto nei miei post sul blog e incoraggerei i lettori a scaricarlo in cambio del loro indirizzo email.

Con ciò, non solo sto fornendo loro una risorsa di grande valore, ma sto ampliando il mio elenco di abbonati e-mail di quelli che posso commercializzare in seguito.

Chiedilo a te stesso:

Sto offrendo ai nuovi visitatori del sito Web molteplici opportunità di interagire con i miei contenuti o la mia strategia di marketing si conclude con la generazione di traffico?

7.Aggiungi opt-in

Sebbene gli aggiornamenti dei contenuti in genere implichino un consenso, non tutti gli aggiornamenti comportano gli aggiornamenti dei contenuti.

Puoi incoraggiare i visitatori a partecipare a qualsiasi cosa, dalla tua newsletter settimanale a un nuovo strumento web che hai appena pubblicato a un audit SEO gratuito.

L'obiettivo, ancora una volta, è offrire ai visitatori almeno un'opportunità per interagire con i tuoi contenuti oltre alla semplice lettura del testo sulla pagina.

Incoraggio i proprietari di siti Web a offrire molteplici opportunità di attivazione, in genere nella parte superiore, centrale e inferiore della pagina, in modo che i visitatori incontrino diversi punti di coinvolgimento.

Ad esempio, indirizzo subito i visitatori della home page alla mia pagina di contatto dove possono richiedere contenuti SEO.

Più in basso nella pagina, includo un altro collegamento alla stessa applicazione.E in fondo, do ai visitatori la possibilità di iscriversi alla mia newsletter.

Con questi opt-in, posso effettivamente misurare i completamenti degli obiettivi piuttosto che fare affidamento solo sui dati delle visualizzazioni di pagina.

Quindi, sono in grado di guardare oltre il traffico e misurare effettivamente quanti utenti interagiscono con i miei contenuti.

8.Includi collegamenti interni

Se ricordi, la frequenza di rimbalzo e le pagine per sessione erano due importanti metriche di coinvolgimento.

Puoi ridurre la frequenza di rimbalzo e aumentare le pagine per sessione indirizzando gli utenti ad altre pagine del tuo sito tramite collegamenti interni.

Ci sono tonnellate di dati sul valore del collegamento interno, ma, in poche parole, i vantaggi includono:

  • Indirizzare il PageRank da pagine ad alta autorità ad altre pagine del tuo sito.
  • Indirizzare i visitatori ad altre pagine importanti del tuo sito.
  • Invio dei visitatori a pagine di prodotti e vendite cruciali.
  • Mantieni i lettori sul tuo sito più a lungo indirizzandoli a contenuti pertinenti.
  • Prevenire le pagine "orfane" e ridurre la profondità della pagina.

Poiché l'obiettivo è mantenere gli utenti sul tuo sito Web fino a quando non effettuano un acquisto o ti contattano in merito ai tuoi servizi, è nel tuo migliore interesse utilizzare i collegamenti interni per indirizzarli alle tue pagine più importanti.

Se consenti agli utenti di trovare facilmente le informazioni che stanno cercando, è meno probabile che abbandonino il tuo sito e si convertano in clienti.

9.Utilizza i consigli sui prodotti basati sull'intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale (AI) è una tecnologia relativamente nuova, ma è potente nell'utilizzo dei dati degli utenti esistenti per aumentare il coinvolgimento e aumentare le vendite.

La migliore applicazione che ho visto è l'utilizzo dell'IA per fornire consigli personalizzati sui prodotti al fine di incoraggiare gli acquisti.

Gli strumenti basati sull'intelligenza artificiale possono analizzare il comportamento degli utenti e persino i dati CRM esistenti per offrire ai visitatori consigli sui prodotti personalizzati.

Ciò significa che agli utenti vengono mostrati prodotti o offerte che è più probabile che acquistino, aumentando quindi il tasso di conversione.

Le aziende di e-commerce possono anche beneficiare dell'ordinamento predittivo basato sull'intelligenza artificiale, che mostra risultati diversi per ciascun utente.

Quindi, se un utente sta cercando un particolare prodotto, gli verrà mostrato ciò che l'IA prevede che l'utente voglia trovare in base al precedente comportamento di acquisto.

10.Usa video

Ultimo ma certamente non meno importante è l'uso di contenuti video per aumentare il coinvolgimento.

Non solo i video possono indirizzare traffico da Google, YouTube e altri motori di ricerca, ma possono aggiungere valore ai tuoi contenuti di testo.

Poiché i video sono facili da visualizzare sui social, sono altamente condivisibili e tendono a raccogliere tonnellate di Mi piace e commenti.

I marchi possono creare tutorial video, recensioni, video di domande e risposte e altro per aumentare il coinvolgimento sui social e sul blog.

In effetti, ci sono diversi hack supportati dalla psicologia per creare video coinvolgenti che il tuo pubblico adorerà.

In generale, desideri utilizzare una varietà di tipi di contenuto per raggiungere una varietà di utenti e aumentare il coinvolgimento su tutte le piattaforme.

I tuoi contenuti sono coinvolgenti?

Non lasciare che i tuoi contenuti SEO si fermino alla generazione di traffico: assicurati che portino il coinvolgimento e i risultati nelle conversioni che il tuo sito web merita.

Tutto ciò inizia con l'impostazione dei KPI target e quindi seguendo le migliori pratiche per aumentare queste metriche su tutte le piattaforme.

L'obiettivo dovrebbe essere sempre quello di creare contenuti che il tuo pubblico apprezzerà e lo indurrà ad agire.

Questo è il modo per trasformare i lettori passivi in ​​clienti entusiasti e fedeli.

Altre risorse:


Crediti immagine

Tutti gli screenshot presi dall'autore, giugno 2020

Tutte le categorie: Blog